Volti Olimpici: Vera Looser


Vera Looser è una ciclista professionista namibiana, nata a Windhoek il 28 Ottobre 1993. Gareggerà a Tokyo prendendo parte ai Giochi Olimpici per la seconda volta, dopo il suo esordio cinque anni fa a Rio. “Esempre grandioso rappresentare il mio paese nel più grande evento sportivo, allo stesso tempo ciò comporta molta pressione ed aspettative, ma sono molto orgogliosa”.

Vera si è avvicinata al ciclismo quando era molto giovane, ha seguito le orme del fratello maggiore e non ha più smesso. E’ sposata con Konny Looser, un ciclista professionista svizzero di MTB. “Mi dedico totalmente al ciclismo con il cuore, ma sto anche lavorando in un’azienda due giorni alla settimana. Il mio sogno per il futuro è quello di gareggiare a livello professionistico ancora per qualche anno. Ho le motivazioni per farlo ma dovrebbe essere finanziariamente accettabile, dovrei essere in grado almeno di coprire i costi”.

Sta vivendo e si sta allenando in Svizzera. “Qualche volta non è facile perché qui piove molto anche in estate. D’altra parte le strade sono fantastiche e ci sono molte montagne“. Vera è pronta per la gara su strada ai Giochi Olimpici di Tokyo. “Ho fatto alcune corse in Spagna a maggio, avrei dovuto correre la scorsa settimana in Repubblica Ceca. Purtroppo ci sono stati alcuni casi Covid-19 nel mio team e non ho potuto disputare la mia ultima gara internazionale prima di Tokyo”. Nelle ultime tre settimane ha corso e vinto tre differenti gare minori, l’ultima è stata il GP Ticino la scorsa domenica.

La prova Olimpica sarà molto impegnativa con 137 chilometri e 2692 metri di dislivello positivo. “Non sto andando a vincere i Giochi Olimpici, ad essere realistica, ma il mio obiettivo è finire bene la gara. Non sono la miglior scalatrice ma farò del mio meglio per fare una buona corsa”. Essa sarà due giorni dopo la Cerimonia d’Apertura “alla quale mi piacerebbe partecipare, se possibile. Sarà alla sera, due giorni prima della mia competizione, quindi se avrò l’opportunità mi farebbe molto piacere parteciparvi”.

Vera proviene dalla Namibia, un paese non famoso per il ciclismo, “ma ci sono molte gare su strada e di MTB, ci sono buoni team e club. Il ciclismo femminile non ha mai avuto una grande popolarità, ma sta crescendo. Spero che in pochi anni potremo avere più atlete alle competizioni”. Vera ha vinto 14 Campionati Nazionali (8 Campionati Nazionali su strada e 6 Campionati Nazionali a cronometro) e ha vissuto il momento migliore della sua carriera nel 2016. “Ho vinto i Campionati Africani, sia la prova a cronometro che quella in linea. Ho vinto la cronometro per un solo secondo, mentre la gara su strada è stata piuttosto difficile, con una volata lunga. Quando ho tagliato per prima la linea d’arrivo e mi sono qualificata per i Giochi Olimpici, ero incredula. E’ stato incredibile. Il mio peggior momento è stato ai Giochi del Commonwealth 2018 in Australia quando sono finita fuori dalla rampa di partenza nella cronometro. Sono stata spinta troppo forte. Mi sono dovuta fermare per sistemare la ruota. E’ stata un po’ un disastro”.

Vera ama il ciclismo, a parte questo adora cucinare torte “che non dovrei mangiare eccessivamente in questo momento, e mi diverte molto viaggiare e vedere nuovi posti”. Vera parla anche tre lingue: tedesco, inglese e Afrikaans.

Un ringraziamento speciale a Vera per il suo tempo!

Intervista a cura di Pietro Fasola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...