Rulli a tutto volume e qualche strappo a tavola, la quarantena di Marco Tizza


Marco Tizza ha 28 anni, vive a Nova Milanese (MB) e per la seconda stagione consecutiva difende i colori del team Continental Amore&Vita – Prodir. Aveva cominciato la stagione in Argentina alla Vuelta a San Juan per poi cogliere un buon 8°posto al Trofeo Laigueglia, visto il divieto di potersi allenare all’aperto “sono costretto ad utilizzare i rulli, anche se li ho sempre odiati, in questa situazione me li sono dovuti far piacere. Per far passare il tempo durante gli allenamenti uso Zwift e mentre pedalo faccio qualche videochiamata con i miei abituali amici di allenamento o ascolto la musica al massimo volume”. Essendo sempre in casa “generalmente faccio una sessione di rulli al mattino e una seduta di corpo libero al pomeriggio. A volte pedalo per 1h al giorno mentre in altre occasioni faccio fino a 4h ma suddivise in più sessioni, mai tutte di seguito! Il resto del tempo lo trascorro guardando qualche film su Netflix e due volte al giorno porto il mio cane a fare una sgranchita nei dintorni. Non avendo un obiettivo e non sapendo quando si rientrerà ho sospeso la dieta quindi mangio quello che voglio”.

Foto presa dal profilo Facebook di Marco Tizza (vittoria alla Volta a Portugal 2019)

“Quando tornerò a pedalare su strada penso di ricominciare gradualmente per qualche giorno e poi inserirò dei lavori di forza per recuperare il tono muscolare ed infine penso di fare anche qualche lungo, comunque abbiamo almeno due mesi in cui potremo allenarci prima che inizino le corse e non c’è fretta. Grandi differenze tra noi e quelli che continuano ad allenarsi all’aperto non ci saranno perché anche loro non hanno obiettivi o gare per cui allenarsi duramente, l’unica differenza potrebbe essere che noi avremo preso qualche chilo in più di loro 😉 “. Si è anche parlato della possibilità di svolgere le competizioni senza pubblico ” ma non penso che un ciclismo senza pubblico sia possibile, non si può obbligare la gente a non uscire di casa, venirci a guardare e tifare”.

Grazie a Marco Tizza per la disponibilità.

Articolo a cura di Pietro Fasola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...