Tra rulli e voglia di ricominciare, la quarantena di Davide Orrico


Il trentenne comasco Davide Orrico corre da tre anni per il Team Vorarlberg Santic, una squadra Continental austriaca “in cui ho trovato un ambiente ideale, sono molti seri e professionali, ma soprattutto hanno un calendario che permette di correre con continuità”. Davide aveva cominciato la sua stagione in Grecia, domenica 8 marzo mentre in Italia era stato annunciato l’inizio del lockdown lui stava gareggiando sull’isola di Rodi dove ha anche ottenuto un buon 5° posto di tappa. “Al termine della trasferta greca sono andato in Austria dove ho continuato ad allenarmi, in Italia ci sono ritornato soltanto intorno al 20 marzo e solo allora ho sperimentato sulla mia pelle cosa volesse dire stare chiuso in casa. Da quel momento ho cercato di ricostruirmi una routine da ripetere tutti i giorni abbassando il volume di lavoro ma mantenendo una certa intensità. La mia condizione in Grecia era buona, avevo lavorato tanto durante l’inverno per partire subito forte preparando una buona base e facendo lavori specifici, ora devo abbassare un po’ la condizione per recuperarla più avanti, quella di adesso è come una seconda fase dell’inverno”.

Foto presa dal profilo Instagram @orricodavide

La routine di Davide è certamente cambiata “prima incominciavo la giornata portando il cane a spasso, dopo una bella colazione uscivo in bici, verso le 10:00 o 10:30, e stavo in giro fino alle 14:00/15:00 o al massimo qualche volta fino alle 16:00, seguiva poi un pranzo leggero e la cena. Ora invece ad eccezione della passeggiata con il cane che detta anche l’orario di sveglia, faccio per 3 o 4 volte a settimana circa 40/50 minuti di esercizio a corpo libero prima di fare colazione, utilizzo molto la fit ball per fare degli esercizi; non avendo una palestra mi organizzo così però negli ultimi anni anche nella fase invernale gli esercizi a corpo libero stanno andando a sostituire la palestra. Dopo colazione segue una sessione di rulli mattutina di circa 1h senza lavori specifici e poi una mezzoretta nel pomeriggio. Quando invece pedalo di più sui rulli faccio circa 2h o poco più, raramente sono arrivato anche a fare 3h, niente di eccezionale se consideriamo che quando mi alleno su strada le uscite di 4h sono quasi la norma. Come già detto prima sto cercando di mantenere l’intensità abbassando il volume di lavoro, lavorare sui rulli è completamente diverso dall’allenamento su strada. Mi sono organizzato con ventilatore per non sudare troppo e quando le giornate sono belle monto i rulli in giardino per rendere le sedute meno noiose guardando qualche serie sul computer o usando Zwift. Quando non mi alleno mi piace guardare qualche serie tv o film con mia moglie Nadia, una cosa che invece faccio normalmente anche durante la stagione è leggere i giornali perché mi piace informarmi di politica e finanza; inoltre dopo due anni esatti sono tornato a giocare alla playstation per occupare un po’ il tempo. La cosa che mi pesa di più è che non potendo uscire ad allenarmi e stando sempre in casa devo limitarmi sul mangiare, non ci si può permettere di mettere su 6 o 7 kg perché se torneremo a correre sarebbe impossibile perderli. D’inverno è quasi normale prendere qualche chilo ma in quel caso sai quando tornerai a correre e quando dovrai farti trovare pronto mentre adesso no”.

Foto di Ruoteraggiecatena

“Probabilmente dal 4 maggio potremo tornare ad allenarci all’aperto, però il grande dilemma che nessuno conosce è quando si potrà tornare a correre, questo è un nodo cruciale perché anche se potessimo tornare in strada dovremmo anche sapere per cosa allenarci”. Orrico abita in Italia nel comasco a pochi passi dal confine svizzero, oltre il quale è consentito andare in bici, “anche i miei amici e colleghi che abitano lì escono in bici ma fanno uscite di 2 o 3 h magari facendo qualche lavoretto specifico come d’inverno, ma è impensabile fare uscite quotidiane di 5 o 6h se non si sà per quando e per quali gare prepararsi”.

“E’ importante sapere anche fino a quando si allungherà la stagione, è inutile ammazzarsi di lavoro se poi si tirerà fino a fine novembre. Io mi informo tanto leggendo i giornali e secondo gli ultimi studi è emerso che c’è il rischio di contagio fino a 20 metri ad alte velocità ad esempio in bici, inoltre ieri ho sentito il discorso di Macron in cui ha detto che durante l’estate i grandi eventi e gli assembramenti di persone in Francia saranno annullati, attualmente il Tour de France non è stato ufficialmente annullato, staremo a vedere. Bisogna capire come e se si potranno organizzare le corse perché i corridori una volta che risultano negativi ai tamponi o hanno gli anti corpi possono anche gareggiare, ma il problema grosso sono la partenza, l’arrivo e gli assembramenti di persone lungo il percorso. Io ho ancora la speranza di far qualcosa nella seconda parte di stagione, però è tutto molto incerto e dipende molto anche dagli stati, ad esempio in Austria i miei compagni si stanno allenando e gli organizzatori premono per far disputare le corse, sarà fondamentale capire se eventualmente ci si potrà spostare da uno stato all’altro perché il ciclismo è ormai uno sport internazionale e se gli spostamenti in altre nazioni venissero vietati sarebbe un bel problema. A mio avviso il fatto che alcuni corridori si stiano allenando su strada mentre altri no influirà in maniera esagerata solo se ci consentissero di tornare a pedalare in strada pochi giorni prima dell’inizio delle competizioni, altrimenti se già dal 4 maggio anche noi potremo tornare ad allenarci e le corse non riprenderanno prima di luglio penso che ci sarà comunque un livellamento generale dopo le prime gare, è come paragonare la ripresa ad una gara di inizio gennaio dove c’è chi è subito pronto e chi un po’ meno. E’ una situazione particolare senza precedenti e critica un po’ per tutti, staremo a vedere….”.

Grazie a Davide Orrico per la disponibilità!

Articolo a cura di Pietro Fasola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...