Intervista a Imerio Cima


Imerio Cima velocista bresciano classe 1997 dopo aver ottenuto tre vittorie tra i dilettanti nella stagione 2017 con la maglia della Viris-Maserati, nelle prossime tre stagioni correrà tra i professionisti insieme al fratello Damiano alla Nippo-Vini Fantini Europa Ovini, con l’obiettivo di fare molta esperienza e dare il suo contributo alla squadra.

Caro Imerio…

L'immagine può contenere: 1 persona

1.Sei soddisfatto della tua stagione ciclistica 2017?

1.La mia stagione ciclistica 2017 non è iniziata nei migliori dei modi, ho avuto un problema fisico che mi ha costretto a saltare il primo mese di corse, diciamo che sono abbastanza soddisfatto.

 

 

2. Qual è stata la vittoria più bella che hai ottenuto fino ad ora?

2.Quest’anno mi sono imposto al Circuito del Porto, una gara internazionale di altissimo livello, questa è sicuramente la vittoria più bella della mia vita ciclistica, non ero mai riuscito a primeggiare in una gara di un certo livello. 

 

 

3. Nel 2018 correrai per la Nippo-Vini Fantini Europa Ovini, cosa ti aspetti dalla tua prima stagione tra i professionisti? Quali sono i tuoi obiettivi?

3.Dal 2018 correrò insieme a mio fratello nella Nippo-Vini Fantini Europa Ovini , una squadra Professional italo-giapponese. Le ambizioni sono alte e la voglia di far bene c’è. Diciamo che mi aspettano anni in cui devo imparare molto, ma sono fiducioso. 

 

 L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

4.Quali sono le tue caratteristiche tecniche?

4.  Io mi considero un velocista ma punto a migliore in salita.

 

 

5.Come ti stai preparando per la prossima stagione?

5. Da poco ho iniziato con la classica preparazione che fanno tutti i ciclisti: palestra, bici e quando il tempo non è dei migliori vado a girare al velodromo di Montichiari.

 

 

6. Qual è il tuo hobby preferito?

6. Il mio hobby preferito è la caccia, infatti nel periodo di riposo mi son dedicato a quella.

 L'immagine può contenere: una o più persone, persone in bici, bicicletta, spazio all'aperto e natura

 

7. Al momento ti dedichi solo al ciclismo o stai terminando gli studi?

7. Il ciclismo è il mio lavoro a 360 gradi, ho finito la scuola superiore diplomandomi e mi son subito dedicato a quello.

 

 

8. Che cosa ti sta insegnando il ciclismo?

8. Il ciclismo insegna molto della vita, aiuta a forgiare la personalità di una persona, il carattere e soprattutto a non arrendersi alle prime difficoltà.

 

 

9. Hai un idolo a cui ti ispiri?

9. Il mio idolo del ciclismo è Andre Greipel, mi impressiona quanta potenza sprigiona sui pedali quando fa le volate.

 Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

10. Che cos’è il ciclismo per te?

10. Il ciclismo è ormai il mio lavoro, ma per me la bicicletta è sempre stata la mia vera passione, a neanche 3 anni sapevo già andare senza rotelle.

 

 

11. Qual è stata la gioia e la delusione più grande della tua carriera?

11. La mia delusione (se si può dire così) per adesso è non aver mai vinto una gara con la maglia della nazionale, mi piacerebbe davvero provare le emozioni che si posso provare vincendo con la maglia della tua nazione. La gioia  più grande è stata quest’anno quando ho firmato il mio primo contratto della vita, passare al professionismo è stato un sogno che si è realizzato.

 

 

12. Sei bravo ad aggiustare la tua bici?

12. Diciamo che fare il meccanico è una cosa che mi piace fare,  a volte ci provo e ci riesco altre volte invece no.

13. Qual è il posto più bello che hai “visitato” durante una trasferta ciclistica?

13. Il posto più bello o meglio il posto più emozionante che ho visitato in trasferta è stato il velodromo di Roubaix (in occasione della Parigi-Roubaix Juniores 2015), entrare con tutta quella gente è stato qualcosa di unico.

 

 

14 Qual è il tuo piatto preferito?

14. Il mio piatto preferito è la cotoletta alla milanese. 

 

15. Qual i sono la tua canzone e il tuo libro preferiti?

15. Non ho né una canzone preferita e nè un libro preferito, leggere diciamo che non è il mio forte.

 

 

16. Descriviti con tre aggettivi.

16. Solare, giocherellone e istintivo.

 

Grazie a Imerio Cima per la disponibilità. 

Intervista a cura di Pietro Fasola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...